... il cinema che ti libera
Username:
Password:
Ricorda utente
> per registrarsi
> dimenticata psw?
SCHEDA FILM
pubblicità
RSS ULTIMI FILM
film sottotiro
 

> COMMENTI
> RECENSIONI
> BOX OFFICE
> ultimi titoli inseriti
> film in lavorazione
> film e Aids
> FILM IN ITALIANO
> Poster

tutti i film
 
  Altro   A  
B   C   D   E
  F   G   H  
I   J   K   L
  M   N   O  
P   Q   R   S
  T   U   V  
W   X   Y   Z
film per tendenza
  > cult gay (GGGG)
> cult lesbo (LLLL)
> tutto gay (GGG)
> tutto lesbo (LLL)
> un po' gay (GG)
> un po' lesbo (LL)
> rif.to gay (G)
> rif.to lesbo (L)
> cult trans (TTTT)
> tutto trans (TTT)
> un po' trans (TT)
> rif.to trans (T)
> cult queer (QQQQ)
> tutto queer (QQQ)
> un po' queer (QQ)
> rif.to queer (Q)
film per categoria
  > film distribuiti
> film visti solo in tv
> film solo in dvd
> film festival
> serie tv
> corti
> autoprodotti
film per genere
  > analisi sociale
> animazione
> avventura
> azione
> biografico
> carcerario
> college
> comico
> commedia
> drammatico
> documentario
> erotico
> fantascienza
> fantastico
> giudiziario
> grottesco
> guerra
> horror
> militare
> musical
> operistico
> politico
> poliziesco
> psicologico
> religioso
> sentimentale
> sperimentale
> spionaggio
> sportivo
> storico
> thriller
> western
 
OLTRE IL MARE














  TENDENZA: L CRITICA: ½ MEDIA VOTI: 6,0
 

FLASH: Puglia. Oggi. Un gruppo di ragazzi universitari decide di partire per una vacanza in campeggio. Destinazione Otranto. Cinque ragazzi e tre ragazze, tutti amici dall'infanzia. Un bel campione di tipi umani. Dal leader bello e carismatico al simpatico sbruffone figlio di industriali, dal più emotivo ed introverso al furbetto a caccia di avventure, dall'aspirante showgirl all'alternativo di sinistra.C'è chi soffre per amore, chi tenta di dare un senso all'esistenza, chi si fa gioco dei sentimenti altrui, chi pensa solo a divertirsi. Nello stato di 'non luogo' del campeggio, lontani dalle ansie dei genitori, a casa preoccupati o distratti, e da fidanzate troppo prese da se stesse, si sentono tutti più che mai liberi di appropriarsi dell'adesso e di seguire i propri impulsi, senza pensare alle conseguenze. Si sentono immortali. Amori, sesso, droghe, tradimenti s'incrociano in una vacanza da schianto. Ma le loro vite non ancora decise si ritrovano di fronte ad un tragico evento. A salvarli ci sarà un'amicizia senza fine?... Nel film, appena tratteggiata, anche una coppia lesbica.

TRAILER O CLIP :
GUARDA
SITO WEB:
IMDB:
http://www.oltreilmareilfilm.it/
TITOLO ORIGINALE:
Oltre il mare
ALTRI TITOLI:
-
PRODUZIONE:
Promo Cinema
CONTENUTI:
coppia lesbica, amicizia fra etero e lesbica
VARIE:
-


CREDITI PRINCIPALI

regista:

Cesare Fragnelli

protagonista:

Alessandro Intini - Sergio

interprete:

Laura Bardiger - Angie

interprete:

Loredana D'Andrea - Mary

interprete:

Davide Donatiello - Giuseppe

interprete:

Alberto Galetti - Francesco

interprete:

Rossana Lorusso - Filomena

interprete:

Nicola Nocella - Giordano

interprete:

Micol Olivieri - Claudia

interprete:

Francesca Perini - Alessandra

interprete:

Mario Claudio Recchia - Guglielmo

interprete:

Elizabeth Saragnese - Betty

interprete:

Giulia Steigerwalt - Susan

interprete:

Carlotta Tesconi - Nicoletta

sceneggiatore:

Cesare Fragnelli - e soggetto

sceneggiatore:

Alessandra Recchia - e soggetto

dir. fotografia:

Andrea Locatelli

aut. musica:

Nicola Masciullo

montatore:

Beatrice Corti

scenografo:

Valentina Scalia

costumista:

Grazia Nigri

costumista:

Consuelo Tarantino

DESCRIZIONE


CATEGORIA:
FILM DISTRIBUITI
GENERE:
Drammatico
ANNO:
2011
NAZIONE:
Italia
DURATA (min.):
90
LINGUA ORIGINALE:
Italiano
FORMATO:
35mm Col.
DISTRIBUZ. IT.:
Microcinema
VERS. ITALIANA:
originale
REPERIBILE:
EROS (max=XXX):
VIETATO MINORI:
DVD ITALIANO:
n.d.
RASSEGNA STAMPA
E RECENSIONI
:
VEDI
TUTTI I CREDITI:
VEDI
LOCANDINA:
VEDI
POSTER:
n.d.
DATA USCITA IT.:
30/09/2011
DELLO STESSO REGISTA:
 

SINOSSI - CRITICA - VARIE:

NOTE DI REGIA

Oltre il mare fotografa i ragazzi. Oggi. Ventenni appassionati, spudorati, confusi. La macchina da presa è sempre con i protagonisti. È un personaggio aggiunto. Respira. Si muove. Crolla. Occhi stretti sul gruppo. Un gruppo senza preoccupazione del futuro, concentrato sull’appropriarsi dell’adesso. Essere ragazzi in un non luogo: il campeggio. Amicizia e morte. Istinto e fuga. Una vacanza tra ilarità e dramma, fino alla perdita definitiva dell’illusione dell’immortalità. Tredici giovani attori. Sudore e stupore. Un racconto d’estate, forse l’ultima estate. Forse l’ultima che sarò riuscito ad essere giovane anch’io. A parlare di loro. A soffrire con loro. Non c’è nulla di patinato, di laccato. Oltre il Mare graffia, racconta, emoziona. Senza filtro. Non so se questo film sia utile a conoscere i ragazzi d’oggi, o i loro genitori, ma sono certo che non ha questa presunzione. Ho voluto raccontare la storia di un gruppo di ragazzi ventenni, che vivono oggi in Puglia e che incontrano in vacanza alcune coetanee inglesi, figlie di immigrati pugliesi che partirono per Londra negli anni Settanta a cercare fortuna. I protagonisti del mio film potrebbero vivere anche in Lombardia, in Emilia, forse anche a New York, perchè è universale il sentimento di amicizia che li lega. Per poi snodarsi nell’amore, nel sesso, nelle droghe, nell’invincibilità e nell’immortalità che i ragazzi sono convinti di possedere. La narrativa del film scorre nelle vene di questi protagonisti, nella loro intimità, nel renderli lucidi del fatto che crescere non è così facile, fino a parlare della morte e del rapporto con quell’invincibile bestia.

Cesare Fragnelli

-----------------

NOTE DI SCENEGGIATURA

Tutto è iniziato più di tre anni fa, durante una delle prime mie chiacchierate con Cesare davanti ad un caffé. Mi raccontò di un forte desiderio che aveva dentro, i suoi occhi brillavano di un raro entusiasmo. Voleva raccontare una storia di ragazzi del nostro Sud, mossa sulla chiave universale dell’amore, dell’amicizia, del divertimento, ma anche della morte. Da quel momento abbiamo scritto altre cose insieme prima di ritornare su quella storia, una storia che ho immediatamente percepito come autentica ed intensa. Quando abbiamo iniziato a scrivere il soggetto abbiamo passato giorni, settimane a parlare, a scontrarci, a raccogliere idee e a ripercorrere infinite volte la storia e i personaggi. Ci siamo buttati in un fiume d’acqua in piena fino a sfociare nella nostra storia. Volevamo che la sceneggiatura fosse accordata sul tono della commedia drammatica, un tono che imita la vita stessa, in cui si attraversano toni opposti in pochi secondi. Volevamo che la storia respirasse da sola, volevamo fosse viva. I personaggi sono stati costruiti con uno sguardo interno ed affettuoso, io li amo tutti, è come se esistessero per davvero. I protagonisti sono dei ventenni pugliesi, si muovono in quella che è anche la mia terra, hanno inflessioni e cadenze tipiche della mia regione, ma i desideri, i sogni, i turbamenti, le sofferenze che li agitano potrebbero appartenere a qualunque ragazzo del globo, regalano e restituiscono emozioni a chi ha già vissuto una storia simile alla loro, a chi la sta vivendo o a chi la potrà vivere. La presenza di tre ragazze inglesi, figlie d’immigrati pugliesi, nate e cresciute a Londra, è stata dettata dalla curiosità di osservare quanto vi potesse essere d’Italia e di Puglia nella loro identità culturale ibrida. Un’identità sulla quale è intervenuta la storia, quella dell’immigrazione, storia di cui loro ora sono il frutto, un passato che ha costretto i loro genitori ad emigrare in terra straniera e a lasciare i propri affetti come unica possibilità per fondare una nuova famiglia e godere di una vita dignitosa. Ma la nostra intenzione non è quella di fornire uno specchio della realtà, ma piuttosto un sogno di essa, perché il linguaggio del cinema è il linguaggio del sogno. Osservando le nuove generazioni abbiamo cercato di reinventare il battito che agita la loro community, ma senza alcuna presunzione di giudizio. Abbiamo semplicemente cercato di afferrare il ritmo dei giovani per poi farlo nostro. Un’emozione è quello che vogliamo lasciare.
Alessandra Recchia

 

INSERISCI IL TUO VOTO (solo utenti registrati) :

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
numero voti ricevuti: 1
media voti: 6,0
Si può votare una sola volta. Se non potete votare significa che avete già espresso il vostro voto
pubblicità
 

I VOSTRI COMMENTI:
(Per qualsiasi intervento al di fuori di giudizi, commenti o recensioni al film, siete pregati di utilizzare lo spazio chat)

i vostri commenti:
19/10/2011 13.07.44 - Commento di: Mar
  Questo film, secondo me, riporta un'immagine dei ventenni abbastanza stereotipata: bevono, fumano spinelli, si tradiscono, ma almeno credono nell'amicizia. La coppia lesbica è ben integrata nel gruppo, anche se non si capisce se gli amici sanno o meno che le due ragazze stanno insieme. Gli do la sufficienza per la fotografia e per alcuni dialoghi del personaggio saggio, comunista e ciccione (altro stereotipo!)
   

inserisci il tuo commento (utenti registrati):

Nickname:

Commento:

Nota: non sono ammessi link a siti esterni nel contenuto del commento (per evitare un uso improprio del servizio).

visite: 8656

LEGENDA
Cliccare sul titolo o sulla locandina per vedere la scheda del film dove potete votare o inserire un vostro commento
TENDENZA: G= film con qualche rifer.to Gay ; GG= con una storia Gay ; GGG= completamente Gay ; GGGG= cult Gay
Lo stesso per: L= Lesbico ; T= Trans ; Q= Queer, misto LGBT
CRITICA: = scarso ; = interessante ; = ottimo ; = capolavoro
E' consentita la riproduzione del materiale originale del sito, purchè ne venga citata la fonte e l'autore
CHI SIAMO - PER BUGS, SUGGERIMENTI, CORREZIONI O COLLABORAZIONI SCRIVI AL WEBMASTER