... il cinema che ti libera
Username:
Password:
Ricorda utente
> per registrarsi
> dimenticata psw?

NEWS REDAZIONALI
info dal mondo del cinema LGBT e dintorni

Vedi anche:
Rass. stampa quotidiana
Il meglio della Rassegna Stampa
Cronologia eventi
Video resistenti
pubblicità
Precedenti Fine
20/09/2014
AL VIA LE RIPRESE DELLA SERIE GAY "JUST US"
Nel cast anche Alessio Cuvello, vincitore di Mister Gay 2012
(Visite: 112)
17/09/2014
UNO SGUARDO NORMALE EXPO - XII EDIZIONE SARDINIA QUEER SHORT FILM FESTIVAL 2014
Comunicato stampa
(Visite: 147)
14/09/2014
L'OTTAVA EDIZIONE DI 'SOME PREFER CAKE'
A Bologna dal 17 al 21 settembre uno dei migliori festival di cinema lesbico, 5 giornate fitte di proiezioni con prime nazionali, presentazioni di libri, momenti di approfondimento con ospiti internazionali e molto altro
(Visite: 364)
10/09/2014
GRANDE SUCCESSO AL FESTIVAL DI TORONTO DEL FILM "THE IMITATION GAME" DI MORTEN TYLDUM CHE VINCE IL PREMIO DEL PUBBLICO
sulla vita di Alan Turing. Ad oggi, il film ha ricevuto sul sito IMDB il voto di 9/10 da 287 utenti e quasi tutta la critica gli assegna quattro stelle. Sarà distribuito in Italia a fine novembre 2014.
(Visite: 272)
07/09/2014
UN BACIO GAY NEL PRIMO ESPISODIO DEI CESARONI 6
In onda sul canale 5 ogni mercoledì l'ultima stagione de "I Cesaroni", con un nuovo protagonista, omosessuale sereno, sposato in Spagna col compagno.
(Visite: 334)
05/09/2014
QUEER LION - LE STELLE DI SANDRO AVANZO
Un affascinanate "Pasolini " di Abel Ferrara, accolto con distacco dai critici veneziani, conclude la visione degli ottimi film in concorso per il Queer Lion.
(Visite: 1172)
03/09/2014
"PIRULA PIRULA", LA NUOVA WEBSERIES A TEMATICA OMOSESSUALE ON LINE DAL 15 SETTEMBRE
Non basta battere bisogna combattere
(Visite: 385)
01/09/2014
NASCE THEOPENREEL.IT: UN NUOVO PORTALE DI VIDEO ON DEMAND ATTENTO AL PUBBLICO LGBT
The Open Reel, già società di vendite internazionali, si affaccia nel mondo della distribuzione italiana con un nuovo progetto rivolto soprattutto al VOD - Video On Demand, ma che non tralascerà la circuitazione in sala e la produzione homevideo.
(Visite: 349)
01/09/2014
INTERVISTA A MARIO FANFANI REGISTA DI "LES NUITS D'ETE"
una sorprendente opera prima che ha incantato tutto il pubblico (giuria del Queer Lion compresa)
(Visite: 119)
31/08/2014
INTERVISTA A CHRISTOPHE HONORÉ, REGISTA DI “MÉTAMORPHOSES”.
Sandro Avanzo intervista lo scrittore, drammaturgo e regista (gay dichiarato) presente a Venezia con un film totalmente queer (foto di Giacomo Cosua)
(Visite: 151)
29/08/2014
INTERVISTA AL REGISTA INGLESE GUY MYHILL
In esclusiva italiana l'intervista di Sandro Avanzo al regista del film "The Goob" in concorso per il Queer Lion veneziano
(Visite: 225)
27/08/2014
POCHI MA IMPORTANTI I PREMI LGBT AGLI EMMY AWARD 2014
"The Normal Heart" vince come miglior film tv e "Modern family" vince il suo quinto premio consecutivo come miglior serie commedia
(Visite: 329)
25/08/2014
I FILM IN CONCORSO PER L'OTTAVO QUEER LION
Sei titoli provano a fronteggiarsi con l'invadente "Pasolini" di Abel Ferrara
(Visite: 368)
22/08/2014
APRITE GLI OCCHI. CON PASOLINI - ARTICOLO DI ROBERTO COTRONEO SU SETTE
Per la loro rilevanza, stralciamo dalla rassegna stampa queste pagine scritte da Roberto Cotroneo su Pasolini e il film di Ferrara in programma a Venezia, pubblicate sul settimanale Sette del Corriere della Sera
(Visite: 389)
19/08/2014
VENEZIA 71: ABEL FERRARA E LARRY CLARK TRA I 7 REGISTI IN GARA PER IL LEONE GAY
Premio Speciale Queer Lion d’Onore al film “Una giornata particolare” (1977) di Ettore Scola
(Visite: 273)
18/08/2014
ELTON JOHN, DAVID FURNISH E ALAN BALL, UN ECCEZZIONALE TRIO GAY AL LAVORO PER UNA NUOVA SERIE MUSICALE
Ambienta nella Vienna di Mozart e Salieri del 1790
(Visite: 182)
16/08/2014
NEI "BRACCIALETTI ROSSI" AMERICANI ANCHE UN INFERMIERE GAY, INTERPRETATO DALL'ATTORE E MILITANTE GAY WILSON CRUZ
attuale dirigente del settore Entertainment Industry Partnerships dell'associazione no-profit GLAAD
(Visite: 265)
14/08/2014
INIZIATE LE RIPRESE DEL FILM "MICHAEL", CON JAMES FRANCO PROTAGONISTA NEL RUOLO DI UN PASTORE OMOFOBO EX-GAY
Tra i protagonisti anche l'attore gay Zachary Quinto. Produttore esecutivo Gus Van Sant
(Visite: 240)
12/08/2014
ROBIN WILLIAMS CI HA LASCIATI A SOLI 63 ANNI
Attore tra i più gay-friendly, amatissimo dal pubblico gay di tutto il mondo
(Visite: 252)
08/08/2014
IL GAYO PALCOSCENICO DELL'ESTATE
Il critico Sandro Avanzo ci racconta le opere di teatro e danza che hanno appassionato il pubblico gay in questi mesi
(Visite: 942)
Precedenti Fine
Condividi
 
03/02/2012 - Redazione -
"POLISSE" IN PRIMA VISIONE UN FILM SCIOCCANTE
sul problema dell'abuso dei minori e tanto altro. Poliziotti, genitori e bambini fotografati nei momenti più cruciali della loro esistenza, senza moralismo, e anche con un certo spirito che alleggerisce.

Diciamo subito che il film è tutto costruito con lo scopo di commuovere e coinvolgere lo spettatore, cosa che potrebbe inficiare il giudizio complessivo sull'opera, solo che questo risultato è ottenuto grazie a scene e recitazioni così realistiche e spontanee da farci dimenticare qualsiasi macchinazione. Anzi possiamo affermare che è proprio questa concentrazione di pathos, di situazioni estreme e pruriginose, in cui vengono a trovarsi quasi tutti i protagonisti del film, dai più piccoli e innocenti ai più anziani e consapevoli, ad essere l'anima e il nucleo vitale di quest'opera premiata a Cannes dalla giuria guidata da Scorsese, un autore che, siamo sicuri, di cinema se ne intende.

La regista Maiwenn, ex compagna di Luc Besson col quale ha avuto un figlio all'età di 16 anni, per preparare il film si è attivamente documentata sul campo seguendo la BPM (Brigade de Protection des Mineurs), il reparto della polizia che deve occuparsi della protezione dei minori dagli abusi di ogni genere. Peccato che poi la polizia non abbia voluto partecipare alla lavorazione del film, temendo di non essere presentata positivamente. In effetti lo sguardo della Maiwenn non concede troppo ai poliziotti che vengono seguiti tanto sul lavoro quanto nella loro vita privata, rendendoci a volte difficile comprendere dove stiano le difficoltà maggiori. Nel finale sembra quasi che la regista voglia puntare il dito contro il loro fallimento. "Non posso cambiare il mondo" dice uno di questi poliziotti che vedrà castigato, dai suoi superiori, il suo sentito e altruistico impegno.

Un'altro pregio del film è quello di risultare un'opera corale e nello stesso tempo con protagonisti e storie molto ben delineate. Diverse situazioni si susseguono, quasi tutte scioccanti, dagli interrogatori ai genitori e ai bimbi abusati, mostrati spesso senza privilegiare una parte o l'altra, addirittura con momenti che strappano la risata (come quando una mamma dice placidamente che per calmare il figlioletto deve masturbarlo), all'incursione in un campo rumeno dove vengono sfruttati i bambini, alla rocambolesca missione in un centro commerciale, alla ricerca della madre che ha rapito il proprio figlio (che gli vediamo cadere per terra mentre litiga per strada), alla madre senzatetto che si presenta spontaneamente per abbandonare il figlio nella speranza che abbia una vita migliore (impossibile non commuoversi fino alle lacrime davanti alle urla del bambino). Ma, come dicevamo, altrettanto intense e drammatiche sono le situazioni personali dei poliziotti coinvolti, dalle discussioni all'interno della polizia (dove questa sezione è trattata come se fosse la meno importante), alle situazioni private di ciascuno, con quasi tutti alle prese con crisi di coppia per i più disparati motivi. Non manca una bella storia d'amore che ha sullo sfondo anche il nostro Scamarcio, deluso dalla scelta registica di tagliare quasi completamente la sua parte.

Nel film abbiamo solo una breve storia gay con un pedofilo maestro di ginnastica scoperto dentro un gabinetto della scuola insieme ad un bambino. Alla fine vediamo il bambino parlare con la poliziotta e dimostrarsi dispiaciuto per quanto accaduto al suo maestro. La poliziotta spiega al bambino che la pedofilia è una malattia e quando il bimbo le chiede perchè allora il suo maestro sia stato mandato in carcere anzichè in ospedale, questa riamane senza parole. Argomento trattato con molta delicatezza dalla regista, che forse avrebbe avuto bisogno di qualche approfondimento.
Forse, ma è solo la nostra fantasia a suggerircelo, qualche venatura di omosessualità repressa potrebbe trovarsi nella problematica figura di una poliziotta anoressica, che cerca l'amicizia di una collega e dice di odiare i maschi, cosa che potrebbe spiegare meglio quanto succede nel drammatico finale del film. Parlando di questo con chi, etero, aveva visto il film insieme a me, mi sono sentito accusato di deformazione da orientamento (poco professionale).

Commenti:

Inserisci commento (solo utenti registrati e loggati - per registrarsi) :

(1117)

~~~ pubblicità ~~~

LEGENDA
Cliccare sul titolo o sulla locandina per vedere la scheda del film dove potete votare o inserire un vostro commento
TENDENZA: G= film con qualche rifer.to Gay ; GG= con una storia Gay ; GGG= completamente Gay ; GGGG= cult Gay
Lo stesso per: L= Lesbico ; T= Trans ; Q= Queer, misto LGBT
CRITICA: = scarso ; = interessante ; = ottimo ; = capolavoro
E' consentita la riproduzione del materiale originale del sito, purchè ne venga citata la fonte e l'autore
CHI SIAMO - PER BUGS, SUGGERIMENTI, CORREZIONI O COLLABORAZIONI SCRIVI AL WEBMASTER