... il cinema che ti libera
User:
Pasw:
Ricorda utente
> per registrarsi
> dimenticata psw?

NEWS REDAZIONALI
info dal mondo del cinema LGBT e dintorni

Vedi anche:
Rass. stampa quotidiana
Il meglio della Rassegna Stampa
Cronologia eventi
Video resistenti
pubblicità
Precedenti Fine
28/05/2016
LA SESTA EDIZIONE DEL SICILIA QUEER FILMFEST
Dal 29 maggio al 5 giugno a Palermo il festival ospita personaggi di fama internazionale come la regista Valérie Donzelli, l'attrice Dominique Sanda e il regista Lionel Baier. Per la prima volta il concorso lungometraggi "Nuove Visioni". La SIAE tra gli sponsor.
(Visite: 201)
24/05/2016
LA PRIMA EDIZIONE DEI "DIVERSITY MEDIA AWARD"
UNA GRANDE CENA DI GALA (MERITAVA LA PRIMA SERATA SU RAI UNO) CON TANTI ILLUSTRI PERSONAGGI, CONDOTTA EGREGIAMENTE DA FABIO CANINO E SYRIA
(Visite: 239)
22/05/2016
PER LA PRIMA VOLTA UN DOCUMENTARIO VINCE LA QUEER PALM
Vince come lungometraggio "Les vies de Thérèse" di Sébastien Lifshitz e come corto "Gabber Lover" di Anna Cazenave-Caldwell, due opere centrate su figure di donne esemplari
(Visite: 744)
09/05/2016
I FILM DEL 31MO TGLFF
VISTI E RECENSITI PER CINEMAGAY.IT DALLO SCRITTORE E CRITICO VINCENZO PATANÈ - I VINCITORI
(Visite: 898)
08/05/2016
UNA GIORNATA DI OTTIMI FILM ED EVENTI AL TGLFF
Tra i quali l'italiano Bullied to Death di Giovanni Coda e il bellissimo 'Thèo et Hugo dans le meme bateau' di Olivier Ducastel e Jacques Martineau. Applauditissima Veronica Pivetti.
(Visite: 423)
07/05/2016
LA GIORNATA DEL TGLFF DEDICATA ALLA TUNISIA
L'evento principale della terza giornata del festival è stato il focus 'Tunisia: quale primavera ?' che ha preceduto la proiezione dei film Boulitik di Walid Tayaa e Face à la mer di Sabry Bouzid
(Visite: 139)
06/05/2016
SECONDA GIORNATA AL TORINO GAY LESBIAN FILM FESTIVAL
Film, doc e il ricordo di Alfredo Cohen
(Visite: 263)
05/05/2016
RESOCONTO DELLA SERATA INAUGURALE DEL TORINO GAY LESBIAN FILM FESTIVAL
Ottima accoglienza dell'anteprima di "Stonewall" da oggi nelle sale
(Visite: 153)
04/05/2016
A GENOVA LA PRIMA EDIZIONE DEL "LIFE FESTIVAL"
Dal 9 al 15 maggio un festival che unisce le diverse forme d'arte performativa che caratterizzano la cultura LGBT
(Visite: 77)
04/05/2016
PARTE OGGI IL 31MO TGLFF - "QUESTI FILM CHE CONTINUANO ANCORA A CAMBIARCI LA VITA"
LE PAGINE DE 'LA STAMPA' CHE RACCONTANO IL TORINO GAY E LESBIAN FILM FESTIVAL ATTRAVERSO I SUOI PROTAGONISTI
(Visite: 147)
21/04/2016
IL DIRETTORE GIOVANNI MINERBA E LO SCRITTORE ALESSANDRO GOLINELLI PRESENTANO LA 31MA EDIZIONE DEL TGLFF
I FILM DEL CONCORSO LUNGOMETRAGGI
(Visite: 664)
19/04/2016
UN FILM CON TEMATICHE GAY VINCE IL MASSIMO PREMIO AI DAVID DI DONATELLO 2016
A sorpresa, ma secondo noi meritatamente, vince l'oscar italiano 2016 "Perfetti sconosciuti"di Paolo Genovese che porta a casa anche il premio come miglior sceneggiatura.
(Visite: 282)
14/04/2016
IVAN CATTANEO E BRUNO CASINI CI PARLANO DEL MONDO GAY DAGLI ANNI '70 AD OGGI
L'occasione è stata la presentazione a Milano del libro: Sex and the World. Viaggi gay e rock'nroll (Zona Editrice) di Bruno Casini
(Visite: 360)
12/04/2016
ANCHE A L'AQUILA UN FESTIVAL DI CINEMA LGBT
"per coniugare cultura, apertura sociale e diritti civili... Un bene prezioso per la nostra città"
(Visite: 214)
06/04/2016
PRESENTIAMO L'ULTIMO LIBRO DI MATTIA MORRETTA: "TRACCE VIVE - RESTAURI DI VITE DIVERSE"
Accattivanti esperienze di viaggi reali e ideali, seguendo le orme di personaggi esemplari vissuti nei secoli XIX e XX
(Visite: 356)
05/04/2016
"UN BACIO" UN FILM UTILE E NECESSARIO
Secondo lungometraggio di Ivan Cotroneo che denuncia con efficacia la violenza omofobica ancora presente nella nostra società
(Visite: 204)
29/03/2016
ANTEPRIMA AL TRIBECA FILM FESTIVAL DI "KING COBRA", ENNESIMO FILM CON JAMES FRANCO IN UN RUOLO GAY
Scritto e diretto da Justin Kelly, qui alla sua seconda regia dopo l'ottimo "I Am Michael" con James Franco anche tra i produttori
(Visite: 564)
21/03/2016
"I FRUTTI ACERBI - LORD BYRON, GLI AMORI & IL SESSO" DI VINCENZO PATANÈ
Un ampio saggio, che si legge come un romanzo, dove per la prima volta si raccontano in dettaglio la vita intima e le storie omosessuali del grande poeta inglese
(Visite: 618)
13/03/2016
CAROL O IL PREZZO DELLA LIBERTÀ D'AMARE
"A noi bastava l'amore / tutto il resto poteva mancare"
(Visite: 725)
10/03/2016
A CAGLIARI LA SECONDA EDIZIONE DI "LE LESBICHE SI RACCONTANO"
Dopo una prima edizione, che ha suscitato interesse ed entusiasmo, riproponiamo l'appuntamento in una veste ancora più inclusiva e coinvolgente, nell'ottica di proseguire il percorso avviato e approfondire tematiche tanto sentite quanto poco dibattute.
(Visite: 371)
Precedenti Fine
Condividi
 
03/02/2012 - Redazione -
"POLISSE" IN PRIMA VISIONE UN FILM SCIOCCANTE
sul problema dell'abuso dei minori e tanto altro. Poliziotti, genitori e bambini fotografati nei momenti più cruciali della loro esistenza, senza moralismo, e anche con un certo spirito che alleggerisce.

Diciamo subito che il film è tutto costruito con lo scopo di commuovere e coinvolgere lo spettatore, cosa che potrebbe inficiare il giudizio complessivo sull'opera, solo che questo risultato è ottenuto grazie a scene e recitazioni così realistiche e spontanee da farci dimenticare qualsiasi macchinazione. Anzi possiamo affermare che è proprio questa concentrazione di pathos, di situazioni estreme e pruriginose, in cui vengono a trovarsi quasi tutti i protagonisti del film, dai più piccoli e innocenti ai più anziani e consapevoli, ad essere l'anima e il nucleo vitale di quest'opera premiata a Cannes dalla giuria guidata da Scorsese, un autore che, siamo sicuri, di cinema se ne intende.

La regista Maiwenn, ex compagna di Luc Besson col quale ha avuto un figlio all'età di 16 anni, per preparare il film si è attivamente documentata sul campo seguendo la BPM (Brigade de Protection des Mineurs), il reparto della polizia che deve occuparsi della protezione dei minori dagli abusi di ogni genere. Peccato che poi la polizia non abbia voluto partecipare alla lavorazione del film, temendo di non essere presentata positivamente. In effetti lo sguardo della Maiwenn non concede troppo ai poliziotti che vengono seguiti tanto sul lavoro quanto nella loro vita privata, rendendoci a volte difficile comprendere dove stiano le difficoltà maggiori. Nel finale sembra quasi che la regista voglia puntare il dito contro il loro fallimento. "Non posso cambiare il mondo" dice uno di questi poliziotti che vedrà castigato, dai suoi superiori, il suo sentito e altruistico impegno.

Un'altro pregio del film è quello di risultare un'opera corale e nello stesso tempo con protagonisti e storie molto ben delineate. Diverse situazioni si susseguono, quasi tutte scioccanti, dagli interrogatori ai genitori e ai bimbi abusati, mostrati spesso senza privilegiare una parte o l'altra, addirittura con momenti che strappano la risata (come quando una mamma dice placidamente che per calmare il figlioletto deve masturbarlo), all'incursione in un campo rumeno dove vengono sfruttati i bambini, alla rocambolesca missione in un centro commerciale, alla ricerca della madre che ha rapito il proprio figlio (che gli vediamo cadere per terra mentre litiga per strada), alla madre senzatetto che si presenta spontaneamente per abbandonare il figlio nella speranza che abbia una vita migliore (impossibile non commuoversi fino alle lacrime davanti alle urla del bambino). Ma, come dicevamo, altrettanto intense e drammatiche sono le situazioni personali dei poliziotti coinvolti, dalle discussioni all'interno della polizia (dove questa sezione è trattata come se fosse la meno importante), alle situazioni private di ciascuno, con quasi tutti alle prese con crisi di coppia per i più disparati motivi. Non manca una bella storia d'amore che ha sullo sfondo anche il nostro Scamarcio, deluso dalla scelta registica di tagliare quasi completamente la sua parte.

Nel film abbiamo solo una breve storia gay con un pedofilo maestro di ginnastica scoperto dentro un gabinetto della scuola insieme ad un bambino. Alla fine vediamo il bambino parlare con la poliziotta e dimostrarsi dispiaciuto per quanto accaduto al suo maestro. La poliziotta spiega al bambino che la pedofilia è una malattia e quando il bimbo le chiede perchè allora il suo maestro sia stato mandato in carcere anzichè in ospedale, questa riamane senza parole. Argomento trattato con molta delicatezza dalla regista, che forse avrebbe avuto bisogno di qualche approfondimento.
Forse, ma è solo la nostra fantasia a suggerircelo, qualche venatura di omosessualità repressa potrebbe trovarsi nella problematica figura di una poliziotta anoressica, che cerca l'amicizia di una collega e dice di odiare i maschi, cosa che potrebbe spiegare meglio quanto succede nel drammatico finale del film. Parlando di questo con chi, etero, aveva visto il film insieme a me, mi sono sentito accusato di deformazione da orientamento (poco professionale).

Commenti:

Inserisci commento (solo utenti registrati e loggati - per registrarsi) :

(1532)

~~~ pubblicità ~~~

LEGENDA
Cliccare sul titolo o sulla locandina per vedere la scheda del film dove potete votare o inserire un vostro commento
TENDENZA: G= film con qualche rifer.to Gay ; GG= con una storia Gay ; GGG= completamente Gay ; GGGG= cult Gay
Lo stesso per: L= Lesbico ; T= Trans ; Q= Queer, misto LGBT
CRITICA: = scarso ; = interessante ; = ottimo ; = capolavoro
E' consentita la riproduzione del materiale originale del sito, purchè ne venga citata la fonte e l'autore
CHI SIAMO - PER BUGS, SUGGERIMENTI, CORREZIONI O COLLABORAZIONI SCRIVI AL WEBMASTER