Accedi

Francois Ozon

Francois Ozon
  • Luogo di nascita Paris
  • Data di nascita 15/11/1967

Francois Ozon

1/7/2010

Sarà distribuito da BIM l’ultimo film di Ozon, “Potiche”, con la Deneuve e Depardieu protagonisti. Finora non ci risultano contenti lgbt nel film (ma non è detto che non ci siano) che ha la seguente trama: “Nella provincia francese di fine anni ’70 la moglie di un ricco e spietato industriale, in seguito a uno sciopero e al sequestro del dispotico e dittatoriale marito da parte dei suoi operai, si ritrova a sostituirlo alla guida della fabbrica quando lui, provato dagli eventi, decide di lasciare la città per rimettersi in sesto. La donna, all’apparenza dimessa, si rivelerà insospettatamente acuta, concreta e piena di iniziativa e con l’aiuto di un deputato di sinistra in passato suo amante riuscirà a riportare la pace sociale nell’azienda, umanizzandone le dinamiche del lavoro.”

28/9/2009

Mentre esce sugli schermi italiani il film “Ricky”, incantevole favola sulla diversità, Ozon annuncia che il suo prossimo film si chiamerà “Potiche” con Catherine Deneuve nei panni dell’eroina dell’adattamento di una commedia firmata da Pierre Barillet e Jean-Pierre Gredy, con Gérard Depardieu, Fabrice Luchini, Karin Viard e Jeremie Renier. Il film racconta la storia di Suzanne Pujol, moglie di un ricco industriale detestato dalla famiglia quanto dai suoi operai, che dopo la morte del marito lo sostituisce a capo della fabbrica di ombrelli. (Cinecitta.com)

23/8/2009

Al 57° festival internazionale del cinema di San Sebastian (18- 26 settembre 2009) Francois Ozon presenta «La refuge» con Isabelle Carré (coproduce Teodora), un film ancora così segreto da non avere nemmeno la scheda su Imdb.

1/12/2008

Esce l’11 febbraio 2009 in Francia, “Ricky”, l’ultimo film di Francois Ozon, probabilmente, vista la data, in concomitanza con la sua partecipazione alla alla 59ma edizione del festival di Berlino (dal 5 al 15 febbraio 2009). Il film è coprodotto dalla Teodora Film di Vieri Razzini e Cesare Petrillo che lo distribuirà in Italia. Il film, che è l’adattamento del racconto “Moth”, tratto dalla raccolta “The Darkness of Wallis Simpson” della scrittrice britannica Rose Tremain, racconta le fantastiche avventure di un bambino cui spuntano le ali. Mescolando thriller, horror, fantascienza, commedia e fiaba, il lungometraggio (il decimo di François Ozon) comincia con l’incontro tra Katie e Paco, due comuni mortali cui succede qualcosa di magico e di miracoloso: si innamorano. Da questa unione nascerà un bambino straordinario: Ricky. Nei ruoli principali figurano lo spagnolo Sergi Lopez, Alexandra Lamy, Mélusine Mayance e Arthur Peyret. Non conoscendo il racconto alla base del film non sappiamo dire se ci sarà tematica gay, ma è difficile che Ozon rinunci a qualche seppur piccolo riferimento.

BIOGRAFIA

Spesso definito l'”enfant terrible” del cinema francese, Ozon ha acquistato in pochi anni una solida reputazione come regista originale, brillante e provocatorio, sia in Francia che all’estero. La velocità con cui realizza i suoi film (almeno uno all’anno) è sufficiente a dargli una meritata rilevanza. Sebbene i suoi film siano di vario genere, contenuto e forma, posseggono tutti uno spirito critico verso le regole del cinema convenzionale, che si esprime anche nell’affrontare temi tabù, soprattutto quello dell’omosessualità. Ozon non si limita ad affrontare le tematiche gay, ma queste sono senz’altro le più ricorrenti nelle sue opere. Accompagnate dalla dichiarata omosessualità del regista, lo rendono uno dei personaggi più inusuali e degni d’attenzione del cinema contemporaneo francese. (Thibolt Schilt)

————————————————

Uno dei pochi registi vivente, di fama internazionale, gay dichiarato. Nasce a Parigi nel 1967. Si diploma in studi cinematografici ed entra nel 1990 nel settore registi del FEMIS. Gira quindi molti film in super-8, video e film a 16mm e 35mm. Molti suoi cortometraggi sono stati selezionati nei festival internazionali. “Action Vérité” segna l’inizio della sua collaborazione con la società Fidélité Productions. Nel 1996 “Une robe d’été” riceve il premio “Léopard de Demain” al festival di Locarno. Il suo primo lungometraggio, “Sitcom” fu presentato nella selezione ufficiale della Settimana della Critica al festival di Cannes del 1998. Il film riceve poi il premio d’interpretazione femminile al festival di Namur (Belgio) e al festival di Sitges (Spagna). Tutti i film successivi ricevono premi e partecipazioni ai festival più importanti del mondo. Nel 2002 supporta la campagna presidenziale di Lionel Jospin.

Francois Ozon è presente in queste opere:

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta